Parrocchia Santa Maria degli Angeli

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

In evidenza
Il Vangelo della Domenica
Lc 17,5-10 Se aveste fede!
2 OTTOBRE 2016 XXVII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (C)
Ab 1,2-3;2,2-4   Sal 94   2Tm 1,6-8.13-14   Lc 17,5-10
Se aveste fede!
Il commento è di Paolo Curtaz
Frammenti del Sinodo della Chiesa Mantovana 2014 - 2016
Questo breve video è stato realizzato allo scopo di raccontare il senso, il metodo e alcuni primi guadagni del cammino Sinodale fatto. Il video servirà ad arrivare a tutti coloro che del Sinodo sanno poco o niente perché siano informati del processo avviato che porta con sé alcune convinzioni forti e coinvolgenti l’intera comunità dei battezzati.
Il Sinodo - come ha detto più volte il vescovo Roberto - non è uno stravolgimento ma un coinvolgimento di tutti. Ora si tratta di prendere in mano pazientemente tutta la riflessione raccolta e immaginare insieme quali passi fare per primi. Non dobbiamo lasciarci tentare di agire con la fretta di chi vuole arrivare subito alle conclusioni.
Mantova ha un nuovo Vescovo
E' il cinquantenne Don Marco BUSCA della Diocesi di Brescia

Tratto dal messaggio del Vescovo Roberto..........

"Sorelle e fratelli e figli tutti carissimi!
Ho la gioia di comunicarvi una bella notizia. Papa Francesco ha voluto guardare con simpatia e affetto la nostra Chiesa di Mantova e le ha destinato il nuovo Vescovo, dopo che io, al compiersi del 75° anno, avevo consegnato nelle sue mani il mio mandato, iniziato nell’ottobre 2007. Si tratta di DON MARCO BUSCA, sacerdote della Diocesi di Brescia. È giovane (ha 51 anni); è molto stimato come docente all’Istituto Teologico “Paolo VI” e all’Università Cattolica di Brescia; profondamente esperto della formazione dei sacerdoti e di pastorale vocazionale dei giovani; collaboratore nella vita pastorale di alcune parrocchie. Io sono molto contento di questa scelta che assicurerà il rinnovato cammino pastorale che il nostro Sinodo ha appena tracciato.



LAUDATO SI', L'ENCICLICA DEL PAPA SULL'AMBIENTE
««Laudato si’...»: così nacque la più bella poesia del mondo

«Altissimu, onnipotente, bon Signore, Tue so’ le laude, la gloria, l’honore et onne benedictione, ad Te solo, Altissimo, se konfàno et nullu hono ène dignu Te mentovare».
Il Cantico delle Creatureè una delle più belle composizioni poetiche di tutto il mondo e di ogni tempo.
Era il 1224, e Francesco giaceva ammalato su un lettuccio del suo San Damiano, la chiesetta diroccata dove una ventina di anni prima aveva ricevuto dal Cristo crocifisso il messaggio che aveva cambiato la sua vita e dove erano adesso insediate Chiara e le sue sorelle.
Papa Francesco ha voluto dedicare a quella lode infinita a Dio creatore e al creato la sua nuova enciclica Laudato Si’, che è stata pubblicata il 18 giugno, per ricordarci che l’uomo – proprio secondo la lettera e lo spirito del Genesi – non è il padrone dell’universo (Uno solo è il Padrone) ma che ne è il guardiano, il Custode; e che alla fine dei tempi, come ciascuno di noi dovrà riconsegnare a Dio la sua anima concessagli immacolata e da lui più volte sporcata e strappata, ricucita e ripulita, l’umanità dovrà riconsegnarGli il creato.
Che è stato concesso all’uomo per goderlo in tutta la sua bellezza e nella varietà infinita delle sue luci, dei suoi profumi e dei suoi sapori; ma che non gli è stato dato come un osceno balocco da violare e da prostituire, come un’immonda merce da vendere e comprare, e su cui speculare. Il creato che appartiene a tutti gli esseri umani, e soprattutto agli Ultimi della Terra.

Parola di vita

Marzo 2016

È giunto a voi il regno di Dio" (Lc 11, 20)




Era quanto attendevano gli Ebrei del suo tempo. Gesù cominciò ad annunciarlo appena prese a percorrere villaggi e città: “Il regno di Dio è vicino” (cf Lc 10, 9). E subito dopo: “È giunto a voi il regno di Dio”; “Il regno di Dio è in mezzo voi!” (Lc 17, 21).
Nella persona di Gesù Dio stesso veniva in mezzo al suo popolo e riprendeva in mano la storia con decisione e con forza, per condurla alla sua meta. I miracoli che Gesù compiva ne erano il segno.

Parola di Vita Marzo 2016
Amici di C.A.S.A. San Simone

A Mantova ci sono cose bellissime, alcune meravigliose. Tra queste senz'altro C.A.S.A. San Simone,

C.A.S.A. San Simone è un acronimo che significa:
Centro
di Ascolto
Servizi
Accoglienza


si gioca dunque sul significato di casa luogo di protezione, accoglienza, crescita, ma anche luogo degli affetti, del sentirsi amati e valorizzati per quello che si è.
E' anche un centro nel centro storico della città. L'ubicazione esprime, così, anche geograficamente, l'intenzione di riportare i margini al centro, non solo al centro della città, ma anche dell'attenzione e della considerazione della comunità.

(Continua a leggere..............)

 
Torna ai contenuti | Torna al menu