Cronologia di Don Claudio Bergamaschi - Parrocchia Santa Maria degli Angeli

Vai ai contenuti

Cronologia di Don Claudio Bergamaschi

Commissione Caritas/Missioni > Mostra fotografica in ricordo di Padre Claudio Bergamaschi


  • 12 febbraio 1937: Don Claudio Bergamaschi nasce a Mantova;

  • 18 giugno 1966: Don Claudio è consacrato sacerdote;

  • 1966-1968: Don Claudio è curato a S. Apollonia;

  • 1968-1969: Don Claudio è assistente GIACC (Azione Cattolica)e assistente guide AGI;

  • 1969: Don Claudio frequenta il corso CEIAL;

  • 17 febbraio 1970: Don Claudio parte da Genova in nave per il Brasile;

  • 17 marzo 1970: Don Claudio arriva a Viana al posto di Don Dante Lasagna;

  • aprile 1970: Don Claudio inizia il il servizio pastorale a Sao Vicente Ferrer, Cajapò e Sào Joào Batista;

  • giugno 1971 - luglio 1972: presenza di Don Arnaldo Caleffi a Viana;

  • giugno 1971: Don Dante torna a Mantova;

  • giugno 1972: rientro di Don Claudio in Brasile a Recife dal suo primo viaggio in Italia;

  • gennaio 1975: morte di Don Helio Campos vescovo di Diana;

  • 1975: viene a collaborare con Don Claudio e con le suore padre Carlo Ubbiali insieme a Maurizio Gamba; espulsione dalla diocesi di don Mario Aldighieri;

  • 1975: nomina di don Adalberto da Silva;

  • 1976: ritrovo a Bom Jardin di don Claudio con frate josè (parrocco che poi viene espulso dal vescovo) e altri;

  • aprile-maggio 1976: don Claudio in Italia; crisi col vescovo da Silva in Brasile;

  • novembre 1976: repressione dei militari;

  • dicembre 1976: atti di vandalismo nella chiesa parrocchiale con sottrazione di scritti di don Claudio, delle suore e di una lettera dei vescovi che denunciavano la dittatura militare;

  • 1977: arrivo di due nuovi preti Maranhensi, padre Morais e padre Sebastiào nominati dal vescovo; don Claudio si reca a fare un corso a Rio Grande do Sul;

  • luglio 1977: don Claudio si rende conto che è tempo di uscire dalla diocesi; nell'estate mons. Rosa fa visita a don Claudio;

  • novembre 1977: don Claudio se ne va da Viana insieme alle suore Sàao Luis; suor Aurora si ammala gravemente. Dom Motta arcivescovo di Sàao Luis offre a don Claudio la possibilità di andare a Sào Mateus;

  • novembre 1977: primo arrivo a Sào Mateus;

  • 8 dicembre 1977: don Claudio si trsferisce a Sào Mateus;

  • quaresima 1978. nomina di don Claudio a parroco di Sào Mateus; poi arrivano le suore;

  • maggio 1978: don Claudio torna in Italia, dopo aver scoperto di essere persona sgradita in Brasile;

  • settembre 1978: don Claudio arriva a Belem. Detenuto dalla polizia tra 7 e 8 settembre;

  • settembre 1978: don Claudio va a Sào Mateus;

  • ottobre-novembre 1978: a Sào Mateus arrivano le suore Stefania, Adelia, Aurora e Daniela;

  • luglio 1979: don Maurizio Maraglio va in Brasile per una visita di un mese;

  • Dal 1980 iniziano i problemi per la terra e le prime lotte sindacali;

  • Luglio 1982: don Claudio diventa responsabile della CPT del Maranhào, a cui collaborafino al gennaio del 1986;

  • gennaio 1983: a Sào Mateus arriva don Maurizio; da luglio, don Maurizio lavora in parrocchia mentre don Claudio lavora alla CPT;

  • primavera 1985: don Claudio torna in Italia;

  • dal 1985 si inaspriscono le lotte per la terra;

  • maggio-agosto 1986: don Maurizio torna in Italia; in settembre don Claudio è in Italia per festeggiare il 50° di matrimonio dei genitori;

  • dal 20 al 26/27 ottobre 1986: don Claudio è a S. Vincente con le suore; il 28 ottobre don Maurizio muore per mani violente;

  • nel settembre 1986 si è tenuta la prima romaria per la terra;

  • 1987: costruzione nuova chiesa . Suor Aurora si aggrava e muore;

  • gennaio 1988: don Flavio Lazzarin arriva a Sào Mateus;

  • 1990: don Gastone Tazzoli va a Sào Mateus, don Flavio a Alto Alegre e sostituisce don Claudio nella responsabilità della CPT;

  • 1995: don Claudio è solo a Sào Mateus perchè don Flavio, già responsabile della CPT a Coroatà, va a Miranda, mentre don Gastone diventa rettore a S. Luis; padre Valdecì collabora con don Claudio;

  • 1997, 10 gennaio: morte di Don Claudio, in un incidente stradale.

Torna ai contenuti