Cookie Policy Privacy Policy

#LaudatoSì5 Pillola 22 maggio 2020 - Parrocchia Santa Maria degli Angeli

Vai ai contenuti

#LaudatoSì5 Pillola 22 maggio 2020

Settimana Laudato Sì
PILLOLE QUOTIDIANE DI LAUDATO SI' 2020
Papa Francesco ci invita a celebrare la settimana Laudato Sì





Carissimi continua la nostra terapia antibiotica a base di "Pillole quotidiane di Laudato Sì" nel quinto anniversario dell’enciclica di papa Francesco sulla cura della nostra casa comune.
Anche noi come comunità siamo chiamati ad essere protagonisti di un cambiamento nel nostro stile di vita, una conversione ecologica nella quale prendersi cura del pianeta e delle persone.
Il titolo della pillola di oggi è "Madre Terra...........".
Leggiamo e Riflettiamo…
“Assicurare la sostenibilità ambientale comporta il raggiungimento di forme di sviluppo sostenibile e l’abilità di preservare per le generazioni future la capacità riproduttiva degli ecosistemi naturali. Si tratta di impegnarsi in una varietà di politiche in grado di invertire la tendenza rispetto ai danni ambientali che si producono e di migliorare il management degli ecosistemi. Purtroppo, siamo di fronte ad una geografia punteggiata di squilibri nei consumi, nei danni ambientali e nell’impatto dell’uomo sull’ambiente. I paesi ricchi sono i responsabili della maggior parte dell’inquinamento che colpisce l’ambiente e dello sfruttamento delle risorse del pianeta.”
Ti sembra giusto?
Dentro la natura Il rapporto che i Pellerossa, soprattutto i più anziani, hanno con tutti gli elementi della natura è proverbiale. Sono loro ad aver ricordato all’uomo bianco che ogni parco della terra è sacro, che i fiori profumati sono fratelli dell’uomo, così come il cavallo o l’aquila. Il Capo Seattle rispose così al Presidente degli Stati Uniti d’America che nel 1854 si offrì di acquistare parte dei territori dei Pellerossa: “Sappiamo che l’uomo bianco non comprende i nostri costumi. Il suo appetito divorerà tutta la terra accessibile. Noi almeno sappiamo questo: la terra non appartiene all’uomo; è l’uomo che appartiene alla terra”.
Proposte di vita:
Proponiamoci di assumere, secondo le modalità a noi proprie e possibili alla nostra famiglia la regola delle Quattro "R" per dire sobrietà:
  • Ridurre. Cerchiamo di ridurre il consumo d’acqua dei rubinetti, mentre ci laviamo… di luce ecc.
  • Riparare. Prendiamo il tempo di riparare quanto possiamo e non cedere alle regole del commercio consumistico dell’usa e getta!
  • Riutilizzare e Riciclare. Se ci pensi puoi scoprire tante cose da riutilizzare… alcune acque sporche, alcuni rifiuti…  
Papa Francesco: “Constatiamo che spesso le imprese che operano sono multinazionali che fanno qui nei paesi più poveri quello che non è permesso nei paesi sviluppati o del cosiddetto primo mondo. Generalmente, quando cessano le loro attività e si ritirano, lasciano grandi danni umani ed ambientali, come la disoccupazione, villaggi senza vita, esaurimento di riserve naturali, deforestazione, impoverimento dell’agricoltura, crateri, colline devastate, fiumi inquinati.” (Laudato Sì, 51)

Sr Marta (Sorelle di San Francesco) a partire dall'enciclica Laudato Si di Papa Francesco propone un "esame di coscienza ecologico", un modo concreto per cominciare a rispondere al grido della Terra.
Chi vuole può condividere le proprie riflessioni inviando testi, video o immagini al seguente indirizzo di posta elettronica: settimanalaudatosi@parrocchiaangeli.it

Il culmine della Settimana Laudato Sì sarà quando cercheremo di portare solidarietà al nostro mondo in un momento di preghiera condivisa, la sera del 24 maggio alle ore 21.00. Come comunità saremo uniti spiritualmente con i cattolici di tutto il mondo perché “tutto è connesso”.
Assicurati di registrare la tua partecipazione, comunicando la tua richiesta di partecipazione al seguente indirizzo di posta elettronica settimanalaudatosi@parrocchiaangeli.it e sentiti libero di condividere le tue preghiere sui social media della nostra comunità parrocchiale.

“Risana la nostra vita, affinché proteggiamo il mondo e non lo deprediamo” (Laudato Si’, 246)

“di ognuna dev’essere riconosciuto il valore con affetto e ammirazione, e tutti noi esseri creati abbiamo bisogno gli uni degli altri.” (Laudato Si’, 42)

Torna ai contenuti
Cookie Policy Privacy Policy